Driussi ha spiegato perché ha scelto Zenit, ma non Spartak

Sebastian Driussi / Foto: © FC «Zenit»

Giocatore offensivo "Zenith" Sebastian Driussi ha notato che potrebbe lasciare il club quest'estate, ma alla fine ha deciso di restare. L'argentino ha anche spiegato perché ha scelto proprio il popolo di San Pietroburgo quando si è trasferito in Russia, e non "Spartak" .

- Ero interessato a un club, ho discusso del futuro con il presidente del club. Ho pensato a questa offerta fino all'ultimo, ma ho deciso di rimanere allo Zenit, perché sentivo che avrei dovuto aiutare il club a vincere i trofei che meritava. Voglio rimanere a San Pietroburgo, condurre lo Zenit alle vittorie e poi pensare con calma ai prossimi passi. Un anno fa, prima di me davvero due contratti, da "Spartacus" e "Zenith". E ho scelto Zenit per le dimensioni del grande club, lo stadio unico, il tipo di fan che ha e perché Paredes era già qui. L'ho conosciuto fin dall'infanzia, ed è stato un grande sogno un giorno giocare insieme per una squadra da un campionato forte. Voglio continuare a suonare accanto a lui. Quindi, se all'improvviso decide di andarsene, proverò a convincerlo a restare, disse Driussi.

Driussi in questa stagione, ha disputato cinque partite nel campionato russo, in cui ha segnato due gol e fatto uno assist.